La mostra Bambini in Palestina

 

 

Tra le forme attuali della reclusione quella che concerne interi popoli è certo la più  inquietante. Anziani e neonati, uomini e donne, studenti o lavoratori si trovano  accomunati nella torsione delle loro esistenze e nella mortificazione, senza aver  commesso alcun reato, per il semplice fatto di essere venuti al mondo in un  territorio conteso o sovraccaricato di interessi. La Palestina è appunto uno di questi territori. Circondata e attraversata sempre più  da muri, sbarramenti e reticolati, collegata al resto del mondo da pochi e obbligati  posti di blocco in cui il transito viene controllato così come verrebbe controllato in  un carcere speciale. 

 

Da questa terra giungono i disegni che proponiamo in questa mostra. Disegni fatti dai bambini che frequentano la scuola elementare San Giuseppe di  Betlemme. Una scuola che, nel periodo della seconda Intifada, è stata ripetutamente colpita  nei suoi muri. Ma, anche, una scuola i cui alunni dai 7 agli 11  anni hanno elaborato i loro vissuti creando segni espressivi capaci di comunicare, a se  stessi e al mondo al di là del muro, la loro estrema condizione di reclusione,  oppressione e sofferenza.

Una comunicazione che è nello stesso tempo una  risorsa di sopravvivenza e una domanda di attenzione.

 

 Esponendo questi disegni Sensibili alle foglie vuole proporre uno specchio  attraverso il quale i cittadini che incroceranno i loro sguardi con quelli dei bambini  che li hanno prodotti, possano acquistare una maggior consapevolezza dei  privilegi, delle differenze e delle responsabilità che toccano loro in sorte. 

Inoltre, poiché il linguaggio dei disegni fatti da bambini facilita l’accostamento alla  situazione estrema che si vive in Palestina, essa può costituire un importante  strumento di sensibilizzazione sociale anche per le scuole.

 

La mostra si compone di 119 disegni su dodici pannelli 70*100 cm e sei pannelli  60*90 cm.

 

I pannelli sono corredati di schede/guida che offrono informazioni e dati sul  contesto nel quale vivono i piccoli autori e sugli eventi richiamati. Le scritture nei  disegni, in lingua araba o in inglese, sono tradotte in italiano.

 

 I titoli dei 18 pannelli  (6-8 disegni incorniciati a giorno): 

 

Perché questa mostra

La Palestina – note geografiche e storiche

Carcere Palestina

Intifada Al-Aqsa

Palestinesi uccisi

Palestinesi feriti

Himan Hajo

Refusenik

Riferimenti ai martiri

Esecuzioni extra-giudiziarie

Case distrutte e profughi

La Madonna bombardata

Il blocco dell’ambulanza

Gilo, insediamenti ebraici

Raffaele Ciriello

Il campo profughi di Jenin

Bambini in Palestina

Grazie a

 

I pannelli sono accompagnati da un libretto-catalogo (formato album 14*21 cm, p.  64), che presenta quaranta disegni e alcune schede che illustrano il contesto e/o  gli eventi cui essi fanno riferimento. Il libretto contiene dati aggiornati all'anno  2003 e costituisce una base informativa per il periodo della seconda Intifada. 

 

Le schede di accompagnamento della mostra vengono aggiornate di volta in volta per l’esposizione, che si realizza su richiesta del committente.

 

Chi è interessato a esporre la mostra dovrebbe garantire:

  un luogo idoneo all’esposizione dei pannelli;

  la promozione dell’evento;

  l’assunzione dei costi di trasporto e il rimborso delle spese sostenute da Sensibili alle foglie per le seguenti attività realizzative:

ideazione e progettazione della mostra,

selezione dei disegni,

preparazione e  aggiornamento delle schede di accompagnamento,

preparazione dei disegni e  delle traduzioni sui pannelli,

allestimento e smontaggio,

presentazione della  mostra al pubblico nella giornata inaugurativa,

eventuali visite guidate da concordare.

 

 È possibile inoltre acquistare, con il 50% di sconto sul prezzo di copertina (Euro  10,00 iva inclusa), alcune copie del libretto di accompagnamento, da mettere a  disposizione dei visitatori della mostra.